WEBINAR GRATUITO

Scoprite come costruire un business case per il monitoraggio delle condizioni delle vostre pompe sommerse.

Manutenzione basata sulle condizioni: dalla tecnologia pilota all'implementazione su scala (Parte 4: Tecnologia)

Indice dei contenuti

Utilizzati su scala, i sistemi guidati dall'intelligenza artificiale che monitorano continuamente la salute delle macchine possono trasformare la manutenzione industriale, ma come ogni nuova tecnologia, ci sono ostacoli da superare prima di poterne sfruttare appieno il valore. In Parte 3 di questa guida in quattro partiabbiamo affrontato la sfida di modificare i sistemi e i processi per trarre il massimo vantaggio dal monitoraggio digitale della salute degli asset. In questo post, condivideremo i nostri migliori consigli su come scegliere una tecnologia di monitoraggio basata sulle condizioni che sia in grado di scalare con voi a lungo termine.

Siate realistici su dove il CBM ha senso

Non esiste un singolo monitoraggio delle condizioni che rileverà ogni guasto in via di sviluppo su ogni macchina che avete. Ma se installate cinque sistemi complementari su ogni singolo asset, vi ritroverete con più avvisi di quanti ne possiate gestire. Eseguite un'analisi della criticità, ricercate i diversi tecnologie di monitoraggio delle condizioniQuindi, separate la vostra base di risorse in categorie basate su ciò che state cercando di fare.

Ad esempio, se avete impianti altamente critici dal punto di vista dei tempi di inattività, ma anche grandi consumatori di energia, è molto sensato scegliere un sistema analisi della firma elettrica (ESA), che possono affrontare contemporaneamente sia l'aspetto della salute che quello dell'efficienza. Tuttavia, i sistemi ESA non sono in grado di rilevare tutte le possibili modalità di guasto; per questo motivo, per apparecchiature così critiche, è possibile installare anche sistemi di vibrazione, lubrificazione e/o infrarossi per monitorare i componenti per i quali sono più adatti.



Per le apparecchiature che presentano un singolo punto cronico di guasto meccanico, la scelta migliore sarebbe un sensore di vibrazioni localizzato che consenta di capire cosa sta succedendo in quel preciso punto debole della configurazione, invece di uno strumento più generico come l'ESA. (Inoltre, ci si potrebbe chiedere perché questo continua a succedere).

All'estremo inferiore dello spettro, ci possono essere asset per i quali non c'è alcun caso di CBM; semplicemente non sono abbastanza critici. Anche in una configurazione CBM completamente matura, ci saranno avvisi che finiscono in fondo all'elenco delle priorità. Se alcuni siti o macchine si trovano abitualmente in questa situazione, dovreste valutare se il monitoraggio delle condizioni ha senso anche per questi asset. Se non si arriva mai al punto di agire sugli avvisi del sistema, l'approccio "run-to-failure" potrebbe essere la soluzione migliore.

Cercate una tecnologia facile da usare all'interno dei vostri sistemi esistenti.

Come abbiamo notato in precedenza, si finirà per avere un paesaggio di tecnologie di monitoraggio delle condizioni che si completano a vicenda per raggiungere l'obiettivo che avete in mente. Ma non volete dieci dashboard separati; volete centralizzare tutti questi dati. Volete che gli insight dei vostri analisi delle vibrazioni Il sistema di analisi dei lubrificanti, i dati del sistema di analisi della firma elettrica e i dati del sistema di analisi della firma elettrica vengono visualizzati insieme e forniscono un quadro completo in un unico luogo centrale e familiare. Questo è possibile solo se si acquista una tecnologia progettata per integrarsi con i sistemi esistenti.

Collegandoci al nostro post precedente sull'aspetto del processoI sistemi facilmente integrabili richiederanno anche il minor numero di modifiche alle attività quotidiane, perché si limiteranno ad aggiungere nuove informazioni ai sistemi che i vostri team stanno già utilizzando.

A questo proposito, non dimenticate di esaminare i sistemi esistenti che generano tonnellate di dati che non avete ancora utilizzato per il CBM. Molte piattaforme di monitoraggio delle condizioni sono in grado di analizzare i dati già disponibili, anziché o in aggiunta all'acquisizione di nuovi dati con i propri sensori.

Scegliete partner tecnologici, non prodotti

Un partner tecnologico vuole aiutarvi a realizzare il vostro miglior sistema CBM possibile, non "ingannarvi" per farvi installare il suo sistema ovunque. I buoni fornitori non hanno bisogno di farlo. Sono sicuri che il loro sistema funziona bene e non sono minacciati da altre tecnologie, perché il panorama è abbastanza grande per tutte.

Scegliete un fornitore che non si limiti a vendervi il servizio, ma che collabori con voi per assicurarsi che l'implementazione abbia il massimo successo possibile. Un buon fornitore sarà presente per tutto il percorso e vi metterà alla prova quando penserà che potreste fare qualcosa di più efficace di quello che state facendo attualmente.

Cercate fornitori che abbiano una buona impronta nel vostro settore specifico. La transizione verso un approccio più orientato al CBM è qualcosa verso cui l'intero settore si sta muovendo nello stesso momento. È un'ottima idea condividere gli appunti, ma anche altre aziende del vostro settore lo stanno capendo man mano. Un fornitore di tecnologia con esperienza nel vostro settore ha visto cosa funziona bene e cosa no nelle vostre controparti, e può usare questa conoscenza per mettervi sulla strada giusta fin dall'inizio, invece di farvi inventare la ruota una o due volte di nuovo.

(Per una guida passo-passo alla scelta di una solida tecnologia di monitoraggio delle condizioni, che comprende anche fogli di lavoro da utilizzare per valutare i fornitori, consultare il nostro sito Guida rapida alla manutenzione predittiva.)

"Le aziende di un determinato settore condividono una serie di problemi specifici che devono risolvere, il che significa che gravitano verso best practice simili, tipi di asset simili e così via. Lo facciamo da abbastanza tempo da sapere quali sono gli ostacoli che tendono ad affrontare.

Non verremo a spiegare i processi di manutenzione delle acque reflue a chi lavora nella manutenzione delle acque reflue, ma se sappiamo che il project manager dell'azienda idrica A ha lavorato a un'ottima implementazione del CBM, quando il project manager dell'azienda idrica B sta cercando il modo migliore per andare avanti, possiamo metterli direttamente in contatto tra loro". La nostra esperienza ci aiuta a fare da tramite per far progredire l'intero settore".

DIRK-JAN WIENEN, RESPONSABILE DEL SUCCESSO DEL CLIENTE PRESSO SAMOTICS

Terminare la creazione del piano di implementazione

In il post precedente di questa serieAvete aggiunto l'elemento procedurale al vostro piano di implementazione. Ora espanderemo il piano per affrontare l'aspetto tecnologico dell'implementazione.

Round 4: aggiungere l'elemento tecnologico

  • Tornate ai vostri piani di comunicazione con gli stakeholder e aggiungete una sezione su dove installare la nuova tecnologia. Anche in questo caso, l'obiettivo è quello di affidare al team locale il controllo della propria implementazione. Chi sa meglio quali macchine sono critiche, quali si guastano ripetutamente e quali guasti si verificano più spesso? Siate specifici sull'ambito (quante macchine possono includere?), sulla scadenza, sul formato da consegnare (ad esempio un foglio di calcolo che elenchi gli asset) e su cosa succederà dopo (decideranno o si limiteranno a raccomandare?).
  • Determinate le risorse di cui ogni gruppo avrà bisogno durante il processo di selezione delle risorse: informazioni su ogni tecnologia che state introducendo, uno strumento di analisi delle criticità, un help desk a cui rivolgersi per le domande, ecc. Aggiungetele alla sezione risorse di ogni piano di comunicazione con gli stakeholder. (Assicuratevi di includere un processo per fornire nuove risorse quando se ne presenta la necessità. È fondamentale che ogni gruppo si senta sostenuto, non imposto, quindi assicuratevi che questo intento emerga dalla vostra formulazione.
  • Sulla base della proposta di ciascun team, aggiornate la tempistica creata nell'ultimo round per l'introduzione della nuova tecnologia. Il team A avrà bisogno di più tempo di quello inizialmente previsto? Ha ancora senso che i team B e C si attivino contemporaneamente? Il team D ha condiviso problemi tecnici che devono essere risolti prima?

Ora amplieremo il piano un'ultima volta, per renderlo dinamico, onorando la realtà che anche i piani migliori cambiano sempre.

Round 5: rendere il vostro piano resiliente

  • Ecco una buona notizia: avete reso il piano resiliente per tutto il tempo, rivedendo le decisioni precedenti e modificandole in base alle nuove informazioni. Ecco una notizia che potrebbe sembrare meno buona: continuerete a farlo per tutta la durata del progetto. Nessun piano è mai veramente completo.
  • Sfruttate questo fatto a vostro vantaggio, pianificando l'aggiustamento della rotta in base alle necessità. Innanzitutto, decidete come capirete che è necessario cambiare qualcosa. Come incoraggerete e raccoglierete i feedback? Come misurerete l'adesione e l'adattamento dei dipendenti? Come valuterete i progressi verso l'implementazione completa?
  • Quindi, pianificate come utilizzare queste informazioni. Questa fase è un meta-esercizio: non saprete quali ostacoli dovrete affrontare finché non li affronterete. Ma potete già pianificare il modo in cui utilizzerete le informazioni. Con quale frequenza il team principale si riunirà per discutere di queste metriche? Quali sponsor esecutivi potete chiamare per aiutarvi?
  • Ultimo ma non meno importante: aggiungete un senso di celebrazione. Chiedete a ogni team (compreso voi, il team principale) di definire le pietre miliari che celebrerete e il modo in cui le celebrerete. Non c'è niente di più motivante che vedere i vostri sforzi raggiungere gli obiettivi. La celebrazione delle pietre miliari rende i team molto più resistenti alle battute d'arresto e molto più propensi a trovare soluzioni per mantenere il progetto in carreggiata.

Scarica la lista di controllo completa in 18 punti

Come scrivere un piano di implementazione solido e resiliente per la manutenzione basata sulle condizioni su scala.


Oltre 30.000 professionisti di aziende industriali ricevono i nostri approfondimenti e le nostre best practice con cadenza mensile e trimestrale.

Selezionare l'annuncio per visualizzarlo.